Che cos’è la procedura di handover?

Non è raro che nel corso dell’audizione di un Perito esperto di localizzazione e analisi dei tabulati di traffico telefonico egli parli della procedura di HANDOVER o di HANDOFF.

Ma che cos’è la procedura di HANDOVER?

In parole povere si indica con tale termine la procedura che viene messa in atto per far sì che un telefono cellulare (o altro dispositivo radiomobile cellulare) in movimento sul territorio, possa mantenere attiva la sua chiamata quando il segnale della cella che lo aggancia diventa scarso o scadente.

Quindi, l’HANDOVER è quell’insieme di procedure che consentono al telefono di agganciarsi di volta in volta ad una cella diversa, nel corso del suo spostamento sul territorio, senza che la comunicazione possa cadere e interrompersi.

Esistono quattro tipologie principali di HANDOVER:
1. HANDOVER intracella e intra BSC: Il telefono cambia il canale di comunicazione e/o la frequenza di trasmissione mantenendosi agganciato alla stessa cella.
2. HANDOVER intercella e intra BSC: il telefono cambia il canale di comunicazione e/o la frequenza di trasmissione agganciando una cella diversa dalla precedente ma controllata dallo stesso Base Station Controller.
3. HANDOVER intercella e inter BSC: il telefono cambia il canale di comunicazione e/o la frequenza di trasmissione agganciando una cella diversa dalla precedente ma appartenente ad un Base Station Controller differente.
4. HANDOVER intercella e inter MSC: il telefono cambia canale di comunicazione e/o frequenza di trasmissione agganciando una cella appartenente ad una centrale (MSC) diversa. È la tipologia di commutazione più onerosa in assoluto poiché implica il coordinamento di più unità funzionali del sistema di telecomunicazione.

Quando un telefono cellulare transita all’interno di centri urbani ad alta densità di popolazione (dove le celle hanno generalmente un’area di copertura piuttosto ridotta) può accadere che avvengano moltissime procedure di HANDOVER anche nel lasso di tempo di un solo minuto. L’utente normalmente non si accorge di nulla salvo quando una procedura fallisce e la comunicazione cade.

L’analisi dei tabulati di traffico telefonico, normalmente, non può evidenziare tutti gli HANDOVER che sono avvenuti nel corso di una telefonata, tuttalpiù, per alcuni gestori, vi è la possibilità di individuare la cella d’inizio e la cella di fine chiamata ma non le eventuali celle intermedie.

Nei cartellini di traffico che accompagnano ogni intercettazione telefonica, invece, gli HANDOVER sono indicati tutti, unitamente alla posizione d’installazione di ogni singola cella.

CrimeLab – Via delle medaglie d’oro 44, 00136 Roma
+39 335 355167
Tel. 06 397 51336
info@crimelab.it
www.crimelab.it